I segreti delle Search Intent
I segreti delle Search Intent

I segreti delle Search Intent

Il Search Intent (o intento di ricerca) è il motivo che spinge una persona a cercare qualcosa su Google. 

Chiunque si collega a Google ha un proprio fine.

É è fondamentale ricordare che l’intento dell’utente è alla base di ogni strategia di marketing digitale di successo.

Non smetterò mai di sottolineare questo aspetto: comprendere l’intento che è dietro le parole chiave utilizzate dal ricercatore e l’ordine in cui queste vengono digitate è parte integrante di una buona strategia di marketing digitale con le parole chiave e la SEO.

L’intelligenza artificiale di Google diventa più intelligente di giorno in giorno ed è sempre più brava nel decifrare la Search Intent dell’utente dietro ogni query di ricerca.

Ricordiamoci sempre che l’obiettivo principale di Google è fornire la migliore esperienza di ricerca all’utente, il che include mostrare loro i risultati più appropriati per ogni intento e pertinenza.

Ora più che mai, è fondamentale creare contenuti per l’utente e non per i motori di ricerca. 

Detto questo, esistono diverse classificazioni dei possibili Search Intent (tutte più o meno convergenti), variano leggermente sul numero (chi dice 4, chi dice 5 e chi dice 6) e la tipologia di search intent; io personalmente le suddivido in 5.5 gruppi.

Le 5.5 Search Intent Principali.

  1. Intento informativo
  2. Indagine di mercato
  3. Intentento commerciale che può essere:
    1. commerciale unbranded
    2. commerciale branded
  4. Intento Navigazionale
  5. Intento Locale
Search Intent

1. Le Ricerche con search intent Informativo.

La maggior parte degli utenti si limita a navigare in cerca di informazioni su questo o su quello. 

Ma quando hanno un problema urgente, probabilmente corrono su Google per cercare informazioni; questo prima di focalizzarsi su un prodotto specifico o un servizio che possa appagare il loro bisogno o risolvere il loro problema.

Pertanto, è molto probabile che la maggior parte delle ricerche su Google sia in gran parte di natura informativa. Infatti la maggior parte delle volte, stanno semplicemente cercando informazioni su un problema da risolvere.

Quindi le Ricerche con con Search Intent Informativo sono quelle ricerche con le quali un utente inizia ad approcciarsi a un argomento o a un problema. Il suo scopo è semplicemente quello di acquisire informazioni e/o consigli.

Nel caso in cui l’utente abbia un problema egli non è ancora in grado di individuare quali sono le potenziali soluzioni.

Esempio: “mio marito mi tradisce” evidenza come Search Intent quello di raccogliere informazioni e consigli su come affrontare un problema.

Le parole chiave che specificano un intento informativo non si convertono necessariamente e immediatamente in un acquisto, infatti l’utente è in gran parte alla ricerca di informazioni.

Allo stesso tempo, una parola chiave con Search Intent informativo è un’opportunità d’oro per entrare in contatto con il pubblico di destinazione ed essere percepito come una “autorità o esperto nel tuo settore”. Il vantaggio è che  quando avranno bisogno dei prodotti/servizi che offri, sanno esattamente dove cercare.

Un esempio di contenuti che rispondono al meglio alle parole chiave con Search Intent informativo sono gli articoli e i tutorial  del tipo “Come fare per…”. 

INTENTO INFORMATIVO
=
CONTENUTI INFORMATIVI

Per questo motivo, è fondamentale creare molti contenuti di alto valore che rispondano direttamente a domande pertinenti all’interno della tua nicchia.

Le ricerche con Search Intent informativo sono le più numerose, quindi è  fondamentale pubblicare sul proprio blog molti tutorial in modo da incrementare rapidamente il numero delle visite.

Per mettere il turbo è consigliabile aumentare l’impatto delle parole chiave con intento informativo allineando i contenuti alle ultime tendenze del settore e alla stagionalità.

ATTENZIONE! É fondamentale inserire alla fine di ogni contenuto informativo una Call To Action chiara che invita i visitatori a iscriversi alla newsletter (lista di posta elettronica) o ai profili social.

2. Le Ricerche con search intent Indagini di Mercato.

Le Ricerche con Intento Indagini di Mercato (o transazionali) sono quelle Ricerche che l’utente svolge quando inizia a valutare l’acquisto di un prodotto/servizio che riesca a rispondere a un suo problema o un desiderio.

Infatti in questa fase l’utente ha maturato la consapevolezza che deve risolvere un problema oppure che vuole appagare un suo desiderio, ma non ha ancora determinato quali sono le possibili soluzioni o quali sono i prodotti o i servizi che possono rispondere al meglio ai suoi desideri.

In questo tipo di ricerche il potenziale cliente esamina le diverse possibili soluzioni facendo un’analisi allargata del mercato.
Se ad esempio ha deciso di affrontare i propri problemi coniugali, potrebbe iniziare a valutare varie soluzioni alternative come: un consulente matrimoniale, uno psicologo, un investigatore privato per avere le prove del tradimento, oppure un avvocato.
Molto spesso questa tipologie di Ricerche ha come intento quello di individuare il miglior prodotto o servizio disponibile sul mercato; queste ricerche tendono a trovare delle classifiche o delle recensioni.
Spesso includono i nomi di prodotti e/o termini quali “affare”, “acquisto”, “miglior prezzo”, “buono” e “spedizione” tra gli altri, sta seriamente valutando la possibilità di acquistare.

É ovvio che la creazione di pagine e post che rispondono alle parole chiave con intento indagine di mercato inizia a tradursi in maggiori vendite.

Per rispondere alle ricerche con intento transazionale è consigliabile predisporre contenuti che riescano a fornire un quadro esaustivo di “cosa offre il mercato” per rispondere ad un determinato problema o un desiderio.

INTENTO INDAGINE DI MERCATO
=
CONTENUTI COMPARATIVI

Bisogna avere molta cura nel sottolineare i vantaggi, gli svantaggi, i costi di ogni possibile soluzione. 

3. Le Ricerche con search intent Commerciale.

Le Ricerche con Intento Commerciale sono quelle ricerche che denotano una forte propensione all’acquisto di un prodotto e/o di un servizio.
In questa fase l’utente ha individuato e deciso qual è la soluzione al suo problema o al suo desiderio ed inizia a cercare un possibile fornitore.
Le Ricerche Commerciali si distinguono in due grandi gruppi:

  • le ricerche commerciali unbranded
  • le ricerche commerciali branded

#1 Search Intent Commerciali Unbrand.

Sono quelle ricerche nelle quali il potenziale cliente non ha un’idea precisa di cosa o da chi comprare.

In questo caso cerca di individuare un brand di riferimento.

Per rispondere alle ricerche commerciali unbranded è fondamentale predisporre dei contenuti che siano ottimizzati dal punto di vista SEO in modo da intercettare il maggior numero possibile di questa tipologia di visite.

Infatti in queste ricerche è molto forte la propensione all’acquisto.

In questo caso è consigliabile agire su tre fronti:

  1. predisporre delle Landing Page
  2. ottimizzare con tecniche SEO le Landing Page sulle parole chiave con intentento commerciale unbranded
  3. incentivare le visite acquistando pubblicità su Google con Google ADS

INTENTO COMMERCIALE UNBRANDED
=
LANDING PAGE

Una Landing Page è una specifica tipologia di pagine web che ha come unico scopo quello di vendere, cioè di convertire dei “visitatori” in “clienti paganti”.

#2 Search intent Commerciali Branded.

Sono quelle ricerche nelle quali il potenziale cliente ha già determinato il cosa o da chi comprare e sta cercando il prezzo più basso o un punto di contatto con il venditore.

Anche le ricerche commerciali branded indicano una fortissima predisposizione all’acquisto e pertanto anche in questo caso è opportuno predisporre delle pagine speciali come ad esempio le stesse Landing Page delle ricerche unbranded oppure delle ulteriori Landing Page che siano specificatamente ottimizzate sul brand.

INTENTO COMMERCIALE BRANDED
=
LANDING PAGE BRANDED

Accade a volte che cercando il nome di un brand otteniamo nei primissimi risultati di Google dei siti web diversi da quelli ufficiali.

Questo è un grande errore perché è fondamentale essere in cima alla SERP di Google ogni volta che qualcuno cerca il nostro brand.

4. Search intent con Intento Navigazionale.

Le Ricerche con intento Navigazionale sono delle ricerche il cui intento è correlato ad un determinato luogo o sito web. 

In questo caso l’utente ha ben chiara la meta, ma cerca delle informazioni su come raggiungerla. 

Spesso sono ricerche fatte per pigrizia e molto spesso si sovrappongono alle ricerche commerciali branded.

Ad esempio, accade spesso che un utente voglia recarsi da Ikea o da Decathon o da strutture simili e che sfrutti il web per conoscere l’indirizzo di una sede o gli orari di apertura.

Purtroppo in questo caso non è detto che l’utente sia mosso da una propensione all’acquisto.

Lo stesso dicasi degli utenti che invece cercano un determinato sito web. Tutti sappiamo che la URL del sito web del giornale La Repubblica è repubblica.it, eppure “repubblica” viene cercato in media 13.6 milioni di volte al mese, si tratta di pura pigrizia mentale. 😉

5. Search intent con Intento Locale.

Le Ricerche con Intento Locale sono quelle ricerche nelle quali l’utente ricerca qualcosa che è collocato in una determinata zona geografica.

Quasi sempre si tratta di cercare il punto vendita più vicino o una categoria merceologica nelle vicinanze.

Sono ricerche che si caratterizzano perché contengono al proprio interno l’area geografica che interessa all’utente.

Sono una variante alle ricerche commerciali unbranded e branded, ma con l’aggiunta di un determinato territorio.

Sono ricerche che denotano una forte propensione all’acquisto e sono le ricerche di Google fondamentali per il marketing locale.

In questo caso è fondamentale rispondere a queste ricerche con contenuti che sono ottimizzati seguendo tecniche di Local SEO.

INTENTO LOCALE
=
PAGINE LOCAL SEO

La Local SEO è una sottocategoria della SEO che si occupa di ottimizzare i contenuti web proprio per rispondere al meglio alle ricerche locali.

L’obiettivo è quello di risultare in cima a questa tipologie di ricerche e intercettare il maggior numero e possibile di potenziali visitatori presso un negozio o uno studio professionale.

Search Intent per i prodotti.

É evidente che il Search intent svolge un ruolo determinante anche nell’acquisto dei prodotti.

Per esempio la search intent di una persona che si avvicina al mondo delle escursioni in montagna potrebbe evolvere nell’acquisto di un nuovo paio di scarponcini da trecking.

InformativoConsigli per passeggiate in montagna
Indagine di MercatoMigliori scarpe da Trekking
CommercialeScarpe trekking uomo offerte
NavigazionaleDecathlon
LocaleDecathlon Roma

Search Intent e Customer Journey.

Uno dei motivi per il quale è importante comprendere, scoprire, intuire, scovare quali sono le ricerche che i  nostri potenziali clienti digitano su Google è solo una parte del lavoro.

Come hai visto nei paragrafi precedenti è importantissimo anche riuscire a abbinare ad ogni parola chiave la corrispondente Search Intent, solo in questo modo è possibile predisporre dei contenuti che sono ottimizzati.

É inoltre diventato evidente che dal punto di vista del business, ci sono ricerche che hanno un valore commerciale molto diverso, infatti come abbiamo visto non tutte le parole chiave denotano la stessa predisposizione all’acquisto.

Addirittura è possibile creare un funnel delle parole chiave in funzione dei diversi intenti di ricerca e di conseguenza della propensione all’acquisto.

In estrema sintesi si tratta di immaginare le parole chiave che accompagnano gli utenti nelle diverse fasi del processo di acquisto.

In gergo tecnico si parla di viaggio del cliente (Customer Journey).

Ad ogni Search Intent corrisponde una certa Predisposizione all’acquisto.

Perché è importante comprendere il Search Intent di una Ricerca?

Comprendere il Search Intent delle ricerche online è fondamentale perché nel Web Marketing una buona parte del lavoro consiste nel trovare e selezionare quali sono le ricerche che i propri potenziali clienti fanno su Google o su Youtube.

Comprendere qual è l’intento che è celato dietro ad ogni Parole Chiave ci consente di definire il processo d’acquisto del cliente e quindi possiamo ottimizzare i nostri siti web o il nostro blog con dei contenuti che sono ottimizzati per ogni singola fase.

Tornando agli esempi, un avvocato specializzato in diritto della famiglia potrebbe sviluppare e scrivere dei post che vanno oltre la semplice presentazione del proprio studio legale.

Potrebbe ad esempio spiegare ad una moglie tradita quali sono le mosse da fare per tutelarsi legalmente dal tradimento del marito.

Potrebbe ancora consigliare azioni pratiche o errori da evitare e così via. 

Search Intent e Traffico Web.

Ogni volta che iniziamo una nuova Ricerca o un’Analisi di Mercato online dobbiamo fare uno sforzo non indifferente per entrare nella mente dei potenziali lettori/clienti e immaginare che cosa stanno cercando su Google. 

Per ottimizzare la nostra presenza online dobbiamo essere prima di tutto pronti a dare consigli e informazioni e, solo dopo che si è creato un rapporto con il lettore, cercare di convertirlo in un potenziale cliente.

Per questo motivo è fondamentale selezionare delle parole chiave con intento Informativo che siano in grado di generare un traffico qualificato sul nostro sito web/blog o sui nostri profili social.

É altresì evidente che le Parole Chiave che hanno un Search Intent di tipo commerciale sono quelle che attirano i potenziali clienti che sono già motivati all’acquisto.

Tuttavia sono anche quelle che portano un numero drasticamente inferiore di visitatori.

Una buona strategia di content marketing dovrebbe inseguire entrambi gli obiettivi:

  1. creare contenuti informativi per attirare il maggior numero possibile di visitatori,
  2. creare contenuti commerciali in grado di convertire i visitatori in clienti.

In ogni caso è meglio diffidare di quei consulenti che promettono risultati strabilianti.

Guide sulla Search Intent

Di seguito 3 risorse utili ad approfondire l’argomento delle search intent:

Conclusione.

Qual è il processo d’acquisto dei tuoi potenziali clienti?

Riesci ad individuare delle Parole Chiave per ciascuno dei Search Intent dei tuoi potenziali clienti?

Scrivimi cosa ne pensi nei commenti.

Alla prossima.

giovanni

Approfondimenti:

Condividi al volo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.