Nanna’s Garage: un esempio per tutti gli aspiranti influencer.

Ciao,

oggi sul sito di Repubblica.it ho trovato una storia interessante e che per fortuna non è deprimente come le altre.

Oggi ti parlo di Giovanna (Nanna) che a 23 anni ha iniziato a restaurare auto d’epoca (e che condivide questa sua passione su Youtube), ti potrebbe sembrare una piccola storia, invece è molto interessante.

Infatti la storia di Giovanna è un vero e proprio calcio in culo a tutti quelli che (me compreso) vorrebbero aprire un canale su Youtube, ma non ne hanno il coraggio.

Giovanna è una giovanissima neolaureata in architettura che ha la passione di restaurare auto d’epoca e che realizza video tutorial su Youtube.

Ma c’è dell’altro, c’è una lezione per tutti gli aspiranti social media espertissimi, influenZer, cazzenger ecc ecc.

Non esistono più le barriere tecnologiche.

Il primo punto da chiarire una volta per tutte: la tecnologia non è più un ostacolo.

Aprire un canale su Youtube, è diventata un’attività alla portata di tutti e non richiede particolari attrezzature: una piccola videocamera (oppure uno smartphone o un tablet), un microfono ed un pc per il montaggio video (o un tablet/ipad).

Competenze alla portata di tutti.

No! Non è una roba da informatici o tecnici.

No! Non è una roba da teenager, moltissimi influencer (termine odioso) hanno più di quarant’anni.

Fonte: Nanna’s Garage

I soldi non sono tutto.

Mi potresti chiedere, ma quanto ci guadagna Nanna a fare i suoi video?

Boooh, ma non credo che i soldi siano la sua ossessione principale e ti spiego il perchè:

  • Primo: credo che Giovanna si stia divertendo un casino ad avere un diario su Youtube di un suo progetto/passione.
  • Secondo: basta leggere i commenti ai suoi video per capire che Nanna piace alla gente ed è di ispirazione per molti.
  • Terzo: ottenere un’intervista su Repubblica.it non è una bella soddisfazione? Che valore dai tu ad una recensione nella home page del più diffuso quotidiano nazionale?

Fonte: Repubblica.it

E’ tutta una questione di passione e voglia di mettersi in gioco.

Per fare content marketing di qualità non serve essere un ingegnere nucleare.

Al contrario, la ricetta è semplicissima, bastano: tanta passione per il proprio lavoro, non prendersi troppo sul serio e divertirsi… Nanna insegna.

Giovanni

3 risposte

  1. .. vabbè, continuiamo così, facciamoci del male… viviamo solo su piattaforme virtuali su cui è possibile raccontare di tutto, che importa la realtà fisica, quella non conta..
    Nanna’s Garage imperversa improvvisamente, nata dal nulla assoluto, e tempesta Youtube, Facebook, Instagram, viene ripresa da Repubblica e rilanciata da un numero impressionante di siti italiani e stranieri in poche ore… non vi sorge il dubbio che sia una cosa un pò organizzata ?
    Cominciamo dal fatto che viene presentata come un “giovane architetto di 23 anni”.. ma và?
    Ha fatto la laurea col turbo, oppure un corso triennale e non è un Architetto…. (laurea Magistrale di 5 anni di corso).
    Poi.. scusate ma io ho la passine delle macchine d’epoca da un pò di più, almeno dal doppio dell’età della signorina, non ci raccontiamo balle.. ha un contesto che nessuno si può permettere per lavorare, in cui ha fatto centinaia di foto.. peccato che risulti sempre bella pulita e truccata, senza una macchia d’olio addosso o un’unghia spezzata, ma sopratutto.. le foto sono tante, ma le macchine due, una completa e l’altra perennemente nello stesso identico stato in tutte le foto con mise differenti, una faro si ed uno no.. si fa filmare mentre smonta un serbatoio da un cofano che non è neanche stato prima pulito, posa mentre accarezza un motore elegantemente posizionato in favore di camera.. la prima 500 dice che ha impiegato tre anni (ma allora non era architetta, era poppante quando ha iniziato) la seconda spera di completarla in TRE MESI. E da sola si fa motore, freni, verniciatura, sellerie, impianto elettrico.. non lo faccio io che restauro da 45 anni.. e spera di ricavarne 10.000 euro ( ovvero il doppio del valore della macchina finita.. questi manco sanno di cosa parlano…)
    Beviamoci tutto, ed intanto ad ogni clic qualcuno guadagna qualcosa.
    Il restauro però è un’altra cosa… sono nocche scorticate, porchi ed eresie, mille problemi ed il più delle volte un sacco di soldi spesi che non si riprenderanno più, altro che 10.000 euro per una 500 sistemata in tre mesi..

    BB

    1. Ciao BB
      dunque… premetto che il mio post non ha nulla a che vedere con il restauro delle auto e questo è evidente (anche perché non ci capisco niente).
      Personalmente ho ammirato la comunicazione digitale di Nanna’s Garage e, il tuo commento, mi conferma che i risultati che ha ottenuto sono ottimi (forse anche troppo perchè non essere sospetti ed in questo hai ragione).
      Non ho elementi per dubitare che la Signorina sia effettivamente un architetto, non ho idea di chi paghi l’affitto del garage e che (effettivamente) non sia una maniaca del pulito ecc ecc.
      Ti invidio caro BB, perché si vede che hai la passione e l’esperienza per il restauro delle auto, ma allora una domanda mi sorge spontanea… perché non apri un tuo canale youtube? Perché non ci fai vedere “realmente” come ci si sporca le mani?
      La mia opinione è Nanna’s Garage (vera o finta che sia) è proprio questo, un incentivo a mettersi in gioco.
      Con affetto.
      giovanni
      PS Ero indeciso se pubblicare il tuo Commento e se rispondere. Ero indeciso perché Nanna’s Garage forse è un personaggio costruito a tavolino da un’ottima agenzia di marketing, e perché forse anche il tuo commento è parte di una strategia di comunicazione per “creare rumore” intorno al personaggio. Non sarebbe la prima volta che accade 😉

    2. Buongiorno, appoggio in pieno tutto quello che ha scritto il Sig. Gianni, ha fatto un’analisi dei fatti con occhio critico non come tanti trogloditi che parlano e scrivono ma non sanno vedere più in là del proprio naso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.