Perché è importante saper fare Ricerche di Mercato su Internet?

Aprire un sito web o un blog per il tuo studio professionale può essere la più grande opportunità che tu ti possa immaginare; nuovi clienti, nuovi clienti da altre regioni, video consulenze ecc ecc. 

Ma, lanciarsi nel web può anche essere la più grande perdita di tempo e di soldi che tu possa immaginare, più o meno come il sottoscritto che a settembre si iscrive in palestra e ogni mese paga la retta per non andarci mai.

Le Ricerche di Mercato online sono l’unico strumento che hai per evitare di perdere tempo dietro a una strategia di marketing digitale che non ha nessuna speranza di successo.

—-

Il marketing digitale non è nulla di straordinario o di complesso. Certamente ti aiuta a trovare e attirare nuovi potenziali clienti qualificati, ma è soprattutto è indispensabile per potenziare la tua autorevolezza professionale, incentivare il passaparola, elevarti al di sopra dei tuoi concorrenti e quindi sganciarti dalla guerra degli sconti.

Oggi aprire un blog per uno studio professionista è estremamente semplice, così come lo è per un commerciante o per un artigiano aprire un negozio online o per chiunque altro fare del social media marketing di qualità.

Ma c’è da stare attenti, mooooolto attenti. 

Devi stare molto attento a non ascoltare quella vocina che hai in testa che già si immagina frotte di clienti che vogliono acquistare da te. Stai attento a non cadere nella trappola del dialogo interiore che ognuno di noi ha con se stesso.

Te lo dico perché ho notato che tutti i professionisti che aprono il proprio blog online partono tutti facendo gli stessi errori: 

  1. si sono innamorati della loro idee ed hanno perso il contatto con la realtà delle cose,
  2. hanno quindi delle aspettative irrealistiche.

Le ricerche di mercato nel mondo reale.

In realtà aprire uno studio professionale online non è poi così diverso da aprire un’attività nel mondo reale.

Quando decidiamo di avviare un’attività nel mondo reale istintivamente facciamo una serie di ragionamenti e di valutazioni di autocritica e per lo più votate al pessimismo.

Se ad esempio decidiamo di aprire nella nostra città un negozio di borse artigianali, la prima cosa che facciamo è cercare un locale (magari in centro). Ma di fronte alla brutale cifra dell’affitto immediatamente una vocina interna ci dice: “accidenti quant’è alto, ma quante borse devo vendere per pagare il solo affitto?”.

Nella vita reale questa maledetta vocina non sta mica zitta ed anzi rilancia: “pagare l’affitto? Eh mica c’è solo l’affitto! Allora vediamo: l’affitto dei locali, le utenze, l’arredamento di Ikea, lo stipendio mensile, le materie prime, il commercialista, le tasse… naaaa non riuscirò mai a vendere un numero sufficiente di borse per pagare tutta sta roba”.

Ecco perchè, secondo me, questa è una vocina benedetta; perché ci salva, perché ci evita di avventurarci in iniziative strampalate.

Per questo motivo nel mondo reale le persone che sono veramente convinte di aprire un’attività sono più prudenti ed iniziano a effettuare semplici Ricerche di mercato:

  • “qual’è l’età media delle signore del quartiere?”
  • “qual’è il loro reddito?”
  • “quali sono i loro brand di riferimento?” 
  • “quante borse comprano ogni anno?”
  • “per quali usi comprano le loro borse: per fare la spesa? per uscire la sera? per una serata di gala?”
  • “in zona ci sono altri negozi di borse e di che tipo?”
  • ecc ecc ecc

Morale della favola: se sei una persona un minimo intelligente, PRIMA DI AVVIARE UNA NUOVA ATTIVITÀ, cerchi di valutare la fattibilità economica e commerciale anche facendo delle embrionali ricerche di mercato.

Le ricerche di mercato nel villaggio globale.

Tornando agli amici che si avventurano in iniziative imprenditoriali online, è evidente che nessuno (ma proprio nessuno) si preoccupa di fare delle altrettanto semplici ricerche di mercato per verificare a priori la validità della loro idea.

Ed è così che nascono siti web, blog e negozi di ecommerce senza testa nè coda, senza alcuna idea di posizionamento di marketing, senza alcuna idea di strategia dei contenuti, senza nessuna prospettiva di successo.

Le ricerche di mercato online
sono indispensabili per valutare e pianificare
ogni nuova iniziativa nel villaggio globale.

Con una ricerca di mercato online ben fatta riuscirai a rispondere alle stesse domande che ti faresti se stessi per aprire un’attività nel mondo  reale:

  • “ci sono donne che cercano online delle borse artigianali?”
  • “queste donne che tipo di borse stanno cercando su Google?”
  • “quali sono i brand e i modelli di borse più cercate su internet?”
  • “quante sono le ricerche mensili che mediamente vengono fatte nel mondo delle borse?”
  • “quant’è numerosa e forte la concorrenza online?”
  • ecc. ecc.

Come vedi (in fondo) il Villaggio Globale non è poi così diverso dal mondo reale.

Quindi le ricerche di mercato online servono fondamentalmente a fare 4 cose:

  1. individuare una nicchia di mercato,
  2. verificare se la nicchia che hai scelto è effettivamente una nicchia profittevole, 
  3. definire meglio chi è il tuo cliente ideale (buyer persona)
  4. individuare gli argomenti più adatti per attirare nuovi potenziali clienti e quindi pianificare il tuo calendario editoriale,

Saper fare delle buone ricerche di mercato è il primo passo, la prima abilità che devi acquisire per poter avviare e gestire qualunque iniziativa online.

Per tua fortuna è un’abilità che si apprende in pochi giorni, ma che si affina nel tempo.

Conclusione.

Spero che questo articolo ti abbia aiutato a capire perchè è importante imparare a farsi da soli le proprie Ricerche e Analisi di Mercato online.

Sull’argomento Ricerche di Mercato online i potrebbero interessare:

Se hai bisogno di aiuto o di chiarimenti non esitare a contattarmi.

Un saluto e alla prossima dal tuo apprendista Alchimista Digitale.

giosab

Condividi al volo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.